Finalmente Biarritz

Sognare per anni un luogo senza conoscerlo, solo sulla base di racconti di amici di famiglia, grandi viaggiatori che ci andavano sempre, finalmente andarci e non restare per niente delusi. Come si può davanti alla forza dirompente dell’oceano in tempesta? Era la seconda meta del mio viaggio in Aquitania. Delusa da Bordeaux che lascio in un freddo e piovoso pomeriggio invernale con un bus pagato solo € 5!

Arrivo che è già buio, il vento mi distrugge l’ombrello ma mi riconsolo con l’hotel confortevole, in pieno centro e a prezzo stracciato. L’indomani mi precipito fuori saltando la colazione per la fretta di scoprire tutto quello che avevo sognato per anni. 

Il tempo non è minimamente migliorato, il vento forte riempie la spiaggia di salsedine e foschia, l’aria è profumata e in giro non c’è un’anima. Ancora meglio di quanto osassi immaginare! 

Di surfisti esibizionisti e piacioni neanche l’ombra. Sulla spiaggia grande dei mega massi emergono dall’acqua, le onde altissime ci si infrangono e i gabbiani sono a caccia di cibo. 

Arrivo fino al faro, affascinante come solo queste strutture sanno essere. Torno indietro perché la pioggerella si sta trasformando in acquazzone. Carino anche il paesino sull’interno. Quasi tutti i bar sono chiusi, pochissime macchine in giro, c’è una pace che si addice più al mare che al paese così appena si calma la pioggia torno sulla costa. 

Passo davanti alla cappella imperiale, il porticciolo e lo scoglio della Vergine. 

L’oceano è in tempesta, una danza tumultuosa e profumata di onde,  spuma, acqua salata. È una festa per gli occhi ma anche per il cuore, per i gabbiani che continuano a cercare cibo facile o almeno accessibile e per me che faccio il vuoto in testa, mi lascio cullare dal vento, come se fossi anch’io in mare, anzi nell’oceano. Cuffiette e musica a palla non riescono a coprire interamente le urla dei ragazzini incivili a cui non hanno insegnato a tacere di fronte a tanto splendore. Urlano eccitati, un fastidio immenso ma mi appoggio a un muretto e distolgo lo sguardo. Ci siamo solo io e le onde, alte, altissime, gli spruzzi arrivano fino a me! Non mi scanso, non avrebbe senso, faccio parte dell’acqua. Credo che giusto coi gabbiani ci possiamo capire. Preferirei di gran lunga avere lo scoglio tutto per me ma purtroppo non si può, evito il contatto coi buzurri della mia specie quanto più possibile, evito il contatto fisico e anche visivo. A fanculo tutti! Un’ora di pace in cui i Tiromancino (e non solo) imperversano nelle mie orecchie e nella mia testa. Per un’ora circa, è pace, è magia. Me ne vado solo perché la gente sta aumentando e i morsi della fame cominciano a farsi sentire. Sulla piazzola antistante una banda intona la marsigliese. Avevo dimenticato che ho avuto sti giorni liberi solo grazie all’armistizio che qui celebrano molto. Tiro dritto perché non amo le fanfare, i discorsi retorici, etc. anche se mi sembra che loro mantengano più sobrietà e pudore di quanto non faremo mai noi! 

Finalmente colazione. Orrida e trasudante burro in realtà ma avevi troppa fame, ma si era fatto mezzo giorno! Potrei scrivere fiumi di lamentele sulle pessime abitudini della cultura culinaria francese ma preferisco soffermarmi sui pregi che, manco a farlo apposta, riguardano altri campi! C’è un solo bar aperto sotto i portici della grand plage, mi godo la  vista ma non il pasto, fa parte del gioco, è mentre mi chiedo che cacchio ci vorrà mai a fare un panino che non sappia di surimi e maionese pure quando mangi pollo, avocado, etc. mi scordo del mio spirito brontolone, riacquisto una temperatura più umana e mi rifondo col mare. I gabbiani sono ancora lì, che volteggiano e passano la spiaggia al setaccio. Come fai a non pensare a Jonathan? Impossible! 

Annunci

Autore: sud per tutta la vita

Se il viaggio comincia dalla testa allora il sud è il mio stato mentale!

2 thoughts on “Finalmente Biarritz”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...